Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Ulva rigida (C. Agardh, 1823)
Phylum Phycophyta
Classe Cloroficee
Ordine Ulvali
Famiglia Ulvacee
Genere Ulva
Specie rigida
/images/schede/foto_schede/u/ulva_rigida.jpg
Autore foto: Fabio Valerioti
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Lattuga di mare
In natura
Distribuzione Alga molto diffusa in Mar Adriatico, come in tutto il Mediterraneo, vive su fondali rocciosi e fangosi, spesso in zone portuali, inquinate e poco profonde.
Mar Nero, Atlantico Nord-Orientale (dalla Scandinavia all'Islanda, Canarie), Atlantico occidentale, Oceano Indiano, Oceano Pacifico. Cosmopolita.
Descrizione Il tallo (il corpo dell'alga) è laminare, peduncolato, con una base spessa e rigida provvista di rizoidi (le radici dell'alga). Il margine è irregolare e dentellato. Il colore è verde chiaro o scuro molto vivace. L'aspetto e la consistenza sono quelli di un foglio di plastica. Misura fino a 30 cm di altezza e 40 cm di larghezza.
Caratteristiche La specie è tipicamente sessile, ma può trovarsi anche libera, alla deriva. È presente tutto l'anno, ma raggiunge il suo maggior sviluppo in primavera e estate. Nel corso del suo ciclo biologico incontra due diverse fasi riproduttive: l'alga laminare, sessile, produce, per r. asessuata, delle spore che poi liberano gameti; i gameti, trasportati dalla corrente, si fondono, per r. sessuata, riformando la forma sessile dell'alga.
In cattività
L'ambiente in vasca Necessita di molta luce e nutrienti.
Tollera variazioni di salinità/densità.
Tollera variazioni di illuminazione.
Temperature Tollera variazioni di temperatura.
Varie e curiosità Tra le specie del genere Ulva, questa è la più diffusa in tutto il Mediterraneo. Può essere utilizzata come bioindicatore ambientale di eutrofizzazione. È utilizzata anche nell'alimentazione umana. Cresce rigogliosa soprattutto in zone riparate, con massimo sviluppo in primavera ed in estate, mentre misura solo pochi centimetri nelle aree più esposte. E' un'alga nitrofila, ovvero capace di colonizzare acque ricche di nitrati e fosfati, spesso indicatrice di condizioni di eutrofizzazione e alterazione ambientale. Può essere utilizzata anche nell'alimentazione; contiene iodio, vitamina A e antimicrobico. La riproduzione può essere asessuata, mediante spore con quattro flagelli che germinano subito, o sessuata, mediante gameti biflagellati.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 20/11/2012
Autore scheda: Michele Abbondanza


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>