Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Thalassoma pavo (Linnaeus, 1758)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Labridae
Genere Thalassoma
Specie pavo
/images/schede/foto_schede/t/thalassoma_pavo.jpg
Autore foto: Antonio Zofrea
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Chlorichthys pavo (Linnaeus, 1758) (synonym)
Chloricthys pavo (Linnaeus, 1758)
Julis blochii Valenciennes, 1839
Julis pavo (Linnaeus, 1758)
Julis squamismarginatus Bowdich, 1825
Julis turcica lemniscata Lowe, 1843
Julis turcica torquata Lowe, 1843
Julis turcicia Risso, 1827
Julis unimaculata Lowe, 1841
Julis unimaculata lineolata Lowe, 1841
Julis unimaculata taeniata Lowe, 1841
Julis vulgaris Valenciennes, 1843
Labrus leo Rafinesque, 1810
Labrus pavo Linnaeus, 1758
Labrus syriacus Bloch & Schneider, 1801
Thalassoma parvo (Linnaeus, 1758)
Thalassoma pavo lemniscata (Lowe, 1843)
Thalassoma pavo taeniata (Lowe, 1841)
Thalassoma pavo torquata (Lowe, 1843)
Thalassoma unimaculatum (Lowe, 1841)
Nomi comuni italiani Donzella pavonina
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo ed Atlantico Orientale. Dal Portogallo a Capo Lopez al Gabon. Isole Azzorre, Maderia e Canarino, di San Tomè e Annobon.
Descrizione Corpo allungato e compresso, testa ovale a punta con muso corto e bocca piccola. La pinna dorsale parte dal tronco della testa fino quasi a legarsi con quella caudale e quest’ultima è tronca negli esemplari giovani ma diventa allungata nei lobi estremi. La colorazione è bruno-verdastra con una banda scura verticale per ogni scaglia e cinque bande verticali bluastre.Le pinne sono striate con l’azzurro il rosso e il bruno, mentre la testa è striata di azzurro. I maschi hanno il capo rosso scuro con striature azzurre mentre dietro la pinna pettorale vi è una banda verticale blu. Le pinne sono striate di azzurro, nero e rosso. Può raggiungere in natura i 25 cm di lunghezza.

Inserita in RED LIST nel 2010 - valutazione LC
Caratteristiche Preferisce i climi caldi ed è ermafrodita; nel periodo giovanile sviluppa le caratteristiche femminili mentre durante la maturazione acquista quelli maschili.
In cattività
L'ambiente in vasca Necessita di un ambiente con vari nascondigli una buona illuminazione e alghe.
Necessita di illuminazione costante.
Temperature 18/22-23 gradi anche se personalmente ho allevato thalassoma in acque più calde.
Osservazioni E' un pesce di facile ambientazione nell’acquario ma bisogna riservare in vasca uno spazio adeguato alle sue caratteristiche. Per la sua forma molto allungata è molto veloce ed in vasca non resta mai fermo. E di questa sua caratteristica bisogna tener conto durante la fase di distribuzione del cibo per dare la possibilità anche alle specie conviventi più lente di poter mangiare.

I piccoli di thalassoma in vasca non creano nessun problema, almeno per quanto mi è stato concesso di osservarli, e un piccolo gruppo in una vasca di dimensioni adeguate può essere molto bella da studiare. Crescono abbastanza rapidamente considerato che un esemplare di 2-3 centrimetri nel giro di 6-8 mesi diventa 4-5 centimetri.

Gli adulti, considerati adulti i pesci di lunghezza di circa 6-7 centimetri, sono più problematici da tenere in acquario per il problema della territorialità. In vasca grande due esemplari potrebbero vivere tranquillamente senza darsi troppo fastidio.

Rispetto all’osservazione in natura nell’acquario gli esemplari adulti sono molto più territoriali abituati forse ad avere molto più spazio per poter gironzolare ed un gruppo di più esemplari può creare dei grattacapi come al sottoscritto quando immessi in una vasca di 100 litri ben tre thalassoma giovani di circa 5-6 centimetri con parecchio spazio libero non fecero altro che “pizzicarsi” l’uno l’altro e in questi casi il più debole ne fece le spese. I due rimasti comunque non si quietarono e mi costrinsero ad una divisione della vasca (foto che potete vedere sul sito alla mia pagina) fintanto che mi costrinsero a lasciarli liberi in mare.

Osservazioni in natura: in natura vivono in gruppi in territori abbastanza ampi. Condividono la zona con altre specie quali coris julis, chromis chromis, varie specie di tordi e di bavose. Tutti coloro che sono soliti fare apnea al mare avranno notato che come si sposta un sasso o si fruga tra la posidonia i primi ad arrivare sono proprio i thalassoma. Nelle mie immersioni in apnea ho sempre notato molti giovani di thalassoma e quindi femmine arrivare quasi a capofitto su un probabile pasto mentre per i maschi bisogna guardarsi un pò attorno e sono tendenzialmente più schivi, sarà forse la matura età che li rende così sospettosi?
Alimentazione Piccoli pezzetti di gambero o cozza.
Incompatibilità Capros aper
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
3 - Medio

Data ultima revisione: 17/10/2014
Autore scheda: Antonello Cau


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>