Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Pomatoschistus minutus (Pallas, 1770) Organismo protetto.
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sott'ordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Genere Pomatoschistus
Specie minutus
/images/schede/foto_schede/p/pomatoschistus_minutus.jpg
Autore foto: Roberto Pillon
Informazioni aggiuntive
Convenzioni di protezione e pesca/prelievo
(Clicca qui per maggiori informazioni)

Berna 2 -
Nomi comuni italiani Ghiozzetto minuto
In natura
Distribuzione Molto comune in Atlantico orentale dalla Norvegia al Portogallo ma presente in alcune zone del Mar Mediterraneo settentrionale e Mar Nero.
Descrizione Corpo allungato, occhi grandi, posizionati nella parte alta della testa e molto ravvicinati, muso poco più lungo del diametro dell'occhio.
Ha di norma colori tenui, con 7-9 macchie più scure sui fianchi distanziate in misura variabile e con la macchia sul peduncolo della caudale più grande e talvolta a forma di balestra. I maschi in livrea nunziale tendono ad avere colori più carichi.
Ha una linea nera sotto l'occhio che si estende di norma fino alla bocca e, nelle femmine in livrea riproduttiva, si può estendere anche fino al mento.
Nella parte posteriore della prima pinna dorsale, tra il 4 e 5 raggio, c'è una macchia scura talvolta contornata di colore azzurro. E' una macchia tipica della specie, presente sia nei maschi che nelle femmine, anche se talvolta, specialmente in ambienti torbidi, può essere non visibile nelle femmine e negli esemplari immaturi.
Può raggiungere i 10 cm circa di lunghezza.
Caratteristiche Si distingue dai congeneri per la testa particolarmente piatta, la linea nera sotto l'occhie e la macchia sulla prima dorsale. Possiede inoltre delle scaglie sulla parte posteriore della nuca, davanti alla prima pinna dorsale.
Vive tipicamente in prossimità degli estuari a profondità comprese tra pochi mentri e circa 20, anche se si può incontrare anche a profondità maggiori e in mare aperto. Predilige fondali costieri sabbiosi o fangosi dove in caso di pericolo ha l'abitudine di infossarsi lasciando fuori solo il capo.
Il maschio attiva la femmina in un guscio bibalve vuoto dove stende una porzione di uova che vengono custodite dal maschio per 10 giorni fiono a che le larve non sono lunghe circa 3 mm. Inizialmente le larve sono pelagiche.
I piccoli gobidi iniziano a vivere sul fondo quando raggiungono la lunghezza di circa 17-18 mm..
In cattività
L'ambiente in vasca Tollera variazioni di salinità/densità.
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Alimentazione Si nutre di piccoli policheti, anfipodi e misidi.
Specie affini Pomatoschistus marmoratus, Pomatoschistus norvegicus, Pomatoschistus microps
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
6 - Lasciamo fare a Madre Natura

Data ultima revisione: 01/10/2013
Autore scheda: Roberto Pillon, con il contributo di Michele Abbondanza


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>