Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Microlipophrys canevae (Vinciguerra, 1880)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sott'ordine Blennioidei
Famiglia Blenniidae
Genere Microlipophrys
Specie canevae
/images/schede/foto_schede/m/microlipophrys_canevae.jpg
Autore foto: Andrea Prodan
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Sinonimi:
Blennius canevae (Vinciguerra, 1880)
Blennius cannevae (Vinciguerra, 1880)
Lipophrys canevai (Vinciguerra, 1880)
Blennius canevai (Vinciguerra, 1880)
Nomi comuni italiani Bavosa gote gialle
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
DK=Canevas slimfisk - D=Gelbwangen-Schleimfisch - TR=Horozbin baligi,
Horozbina baligi
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo. Presenza irregolare fino al Nordafrica ma localmente abbondanti.
Descrizione Privo di tentacoli sugli occhi, sono però presenti piccoli tentacoli nasali. Profonda incisione tra la prima e la seconda pinna dorsale. Lunghezza fino a 7 cm. Colore tra il rosso-bruno e il giallo-bruno. Sottili linee longitudinali chiare che formano un disegno a rete, a seconda del luogo in cui si trova possono essere presenti grandi macchie. Sul capo si trovano dei piccoli puntini rossi che si addensano in un'unica macchia sulla sommità del capo. I maschi in amore sono di olore grigio cenere, con pinne dorsali nerastre, testa nera, guance e gola tra il giallo uovo e l'arancione.
Caratteristiche Vive in piccole fessure dove sporge con la testa.
Spingendosi fuori dai fori di molluschi scavatori, richiama, con questi segnali cromatici, la femmina, che entra per deporre le uova. In questo momento il maschio aspetta fuori dalla tana. Gli individui di questa specie mostrano atteggiamenti di minaccia con un lento ondeggiare laterale del corpo che si inarca, come nei gatti. In questo caso il capo assume spesso un colore diverso, le guance sono color grigio scuro e il vertice è chiaro.
Predilige le pareti rocciose verticali dove siano presenti fori di molluschi scavatori, al di sotto della zona di marea.
In cattività
L'ambiente in vasca Deve essere ricco di piccoli anfratti. Meglio se sono presenti piccoli buchi dove normalmente soggiorna in natura. Gradisce un moto ondoso vigoroso con ampia ossigenazione.
Temperature Può tollerare T alte ma con alto tasso di ossigeno. Meglio stare al di sotto dei 24° estivi.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 01/05/2013
Autore scheda: Michele Abbondanza


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>