Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Erosaria spurca (Linnaeus, 1758) Organismo protetto.
Phylum Mollusca
Classe Gastropoda
Famiglia Cypraeidae
Genere Erosaria
Specie spurca
/images/schede/foto_schede/e/erosaria_spurca.jpg
Autore foto: Pietro Astone
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Cypraea lota
Cypraea lunata
Cypraea elliptica
Cypraea dilatata
Cypraea inaequipartita
Cypraea limitaris
Erosaria inversa
Erosaria luridoidea
Erosaria viridula
Erosaria pantherina
Erosaria inflata
Convenzioni di protezione e pesca/prelievo
(Clicca qui per maggiori informazioni)

B2 - Aspim2
Nomi comuni italiani Erosaria
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
(I) Ciprea mediterranea
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo e Atlantico dalla Spagna alle Canarie fino a Capo Verde. Molto comune in Sicilia.
Descrizione La colorazione di fondo è biancastra, con sottili ed indistinte variegature giallo brune sul dorso. Il margine è giallognolo ed è delimitato da una serie di fossette. La parte inferiore è giallo crema o bianco crema uniforme. Usa ricoprire con il mantello la conchiglia. La colorazione è diversa per le specie che vivono a sud rispetto all'areale più a nord.
Caratteristiche Localmente comune.
Una delle 5 cipree del Mediterraneo, specie tipiche di fondi duri fino a 40mt. Specie tipica dei fondi duri, come le altre cipree hanno la particolare abitudine di ricoprire la conchiglia col mantello. Come le altre specie della stessa famiglia, sono molluschi sciafili, rifuggono dalla luce; questa è la ragione principale per i loro non frequenti ritrovamenti.
In cattività
L'ambiente in vasca Ambiente coralligeno ricco di anfratti.
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Osservazioni Specie protetta! Nel caso si trovino esemplari negli scarti della pesca professionale bisogna eseguire adattamenti alla vasca.
Varie e curiosità La specie pare avere anche abitudini diurne e vive brucando sopra e sotto le rocce coperte di alghe. Usano il matello per proteggersi dai predatori, ma potrebbe anche essere una protezione dalla luce.
Le specie ritrovate dentro alle spugne, di cui si cibano, non avevano il mantello che ricopriva la conchiglia.
Alimentazione Si nutre di alghe ma soprattutto di alcune spugne del genere Chondrilla, Ircina, Petrosia.
Pare che le popolazioni nell'areale più a sud possano avere un'alimentazione soprattutto di briozoi.
Specie affini Luria lurida.
Incompatibilità Murici, nacidi, polpi, briozoi, Chondrilla nucula, Ircina muscarum, Petrosia ficiformis.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
6 - Lasciamo fare a Madre Natura

Data ultima revisione: 22/11/2012
Autore scheda: Michele Abbondanza, con il contributo di Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>