Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Aplysia depilans (Gmelin, 1791)
Phylum Mollusca
Classe Gastropoda
Ordine Opisthobranchia
Sott'ordine Anaspidea
Famiglia Aplysiidae
Sottofamiglia Aplysiinae
Genere Aplysia
Specie depilans
/images/schede/foto_schede/a/aplysia_depilans.jpg
Autore foto: Roberto Pillon
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Aplisia
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
(I) Lepre di mare, Bue di mare (nomi che ha in comune con la specie Aplysia fasciata)
In natura
Distribuzione Mediterraneo e Atlantico orientale dall'Inghilterra all'Africa occidentale.
Descrizione Ha l'aspetto di una grande lumaca con corpo allungato, abbastanza bombato, con capo allungato sul quale sono presenti due rinofori (appendici sensoriali a forma di "orecchie" poste sulla nuca) lunghi avvolti a cucchiaio e tentacoli boccali laterali (chiamati anche tentacoli cefalici oppure tentacoli orali) larghi e frastagliati. Ha un piede ampio e pronunciato nella sezione posteriore. La specie è munita di due ampi parapodi (appendici laterali simili a grandi "ali") uniti posteriormente sul dorso. Gli ampi parapodi sono usati per il nuoto.
La colorazione è abbastanza varia ma tendente al bruno, più o meno omogeneo e può essere marmorizzata di verdastro o marron scuro. I giovani hanno un colore più rosato.
E' in genere di grandi dimensioni e raggiunge i 30 cm di lunghezza.
Vive su fondali rocciosi ricchi di alghe di cui si nutre dalla superficie fino a oltre 50 m di profondità.
Caratteristiche Può essere molto complesso distinguere A.depilans dalla congenere A. fasciata dalla quale si distingue sopratutto per avere i rinofori più lunghi e parapodi uniti posteriormente.
Durante la riproduzione più individui si dispongono in fila indiana per accoppiarsi formando sui fondali delle tipiche catene anche molto numerose. Le uova sono raccolte in strutture simili a cordoni allungati di colore arancio chiaro detti "spaghetti di mare".
In passato si credeva che la secrezione, emessa per difesa da questa specie, potesse far cadere in maniera definitiva peli e capelli, da qui deriva il nome "depilans". In realtà la secrezione è del tutto innocua per l'uomo.
In cattività
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Specie affini Aplysia fasciata, Aplysia punctata
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 22/11/2012
Autore scheda: Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>