Tu sei qui: Schede organismi Schede in ordine alfabetico
Actinia equina (Linnaeus, 1758)
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Ordine Actinaria
Famiglia Actiniidae
Genere Actinia
Specie equina
/images/schede/foto_schede/a/actinia_equina.jpg
Autore foto: Pietro Astone
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Sinonimi:
Priapus equinus Linnaeus, 1758
Actinia mesembryanthemum Ellis and Solander, 1786
Priapus equinus L.
Nomi comuni italiani Pomodoro di mare
In natura
Distribuzione Praticamente cosmopolita, è diffusa dall'Indo-Pacifico al Mediterraneo e all'Atlantico.
Descrizione Di aspetto inconfondibile, ha il corpo di colore rosso con tentacoli più chiari. Esistono popolazioni con diversa intensità di colore e margini del disco boccale e pedale bluastro. Il diametro del corpo è solitamente compreso tra 4 e 8 cm.
Caratteristiche E' adatta a trascorrere lunghe ore fuori dall'acqua, con i tentacoli completamente ritratti. Si riproduce spesso per scissione, anche se la generazione sessuale è la regola.
In cattività
L'ambiente in vasca Non necessita di un'ambiente particolare, bisogna solo prestare attenzione a fornire una giusta idrodinamicità. L'Actinia si posizionerà da sola nel posto più indicato.
Tollera variazioni di salinità/densità.
Tollera variazioni di illuminazione.
Temperature Sopporta facilmente temperature superiori a 25°.
Osservazioni In acquario è un ospite che offre tanto senza per contro chiederci troppo. Con il suo colore rosso dà all'acquario delle vivaci chiazze di colore. Si può spostare con una certa agilità soprattutto appena immesso in vasca poi trovato il suo angolo se le condizioni della vasca sono ottimali non si sposta. E' possibile trovare in natura specie che hanno delle tonalità diverse dal tipico colore rosso, fino ad arrivare al nero.
Cure Solitamente la varietà marrone è più robusta e quasi sempre resta con i tentacoli estroflessi. Mi è capitato, a seguito di un’esplosione batterica in vasca durante il periodo della messa a punto del filtro denitratore, di notare nella fase acuta (acqua lattiginosa) un notevole accrescimento dell’Actinia Equina che è arrivata a raddoppiare il suo volume, probabilmente a causa della presenza dei batteri di cui, è noto, si cibano molti invertebrati.
Varie e curiosità Osservazioni in natura: vive attorno alla zona di marea in condizioni a volte difficili. Può essere sorpreso fuori dall'acqua sotto grossi massi all'ombra. Si possono trovare esemplari con colore dei margini del disco pedale e boccale con diversa intensità per passare a colori molto diversi. Difficoltà e curiosità: Avendo l’abitudine a spostarsi sulle pareti e sul fondo dell’acquario, spesso capita che si collochi in zone e angoli nascosti della vasca (ad es. al riparo di qualche roccia) ove è impossibile raggiungerlo per poterlo alimentare. Accade così che non trovando sostentamento sufficiente, tenda un pò a deperire ed a ridurre il suo volume, mantenendo la fisionomia d’origine solo per 4 o 5 mesi.
Alimentazione Si nutre di ogni detrito organico a portata dei suoi tentacoli. Accetta facilmente cibi freschi o conservati di qualsiasi tipo, purché di origine animale. E' facile in acquario porgere vicino ai tentacoli, una volta alla settimana ed attenzione alle indigestioni, un pezzetto di gambero o di cozza, che verrà subito preso dalle appendici mobili e portato alla bocca.
Può catturare occasionalmente crostacei e piccoli pesci che si avvicinino incautamente.
Specie affini Actinia cari, Actinia striata
Incompatibilità Calliostoma conulum, in alcuni casi diventa predatore di actinia, come anche Aeolidia papillosa. Coralliophila lamellosa e Coralliophila meyendorfii in acquario possono diventare parassiti di A. equina che peraltro se correttamente nutrita sembra non risentirne. Altra parassitosi possibile è legata al genere dei picnogonidi, piccoli artropodi che succhiano i liquidi dal corpo dell'attinia.
Altri predatori accertati sono Berthella aurantiaca e alcuni echinodermi affini ad Asterina gibbosa ancora di incerto collocamento.
Può catturare occasionalmente crostacei e piccoli pesci che si avvicinino incautamente.
Risulta dannoso il contatto con altri celenterati sessili quali Balanophyllia spp.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile
Commenti ed osservazioni
Michele Abbondanza Esiste in due forme; la prima è caratterizzata da colore rosso porpora, 192 tentacoli, fino a 7 cm, le uova sono mature tutto l'anno.
La seconda da colore rosso-bruno fino a 124 tentacoli, lunga fino a 3 cm, larve da giugno a luglio.

Esistono anche esemplari con colorazione di base tendente al grigio-scuro nero.

La presenza di esemplari pallidi è dovuta alla alimentazione povera di carotene.


Michele Abbondanza Alla base della corona dei tentacoli ci sono delle vescicole marginali urticanti che vengono utilizzate per allontanare gli individui conspecifici.
Pietro Astone I gasteropodi del genere Calliostoma conulum in alcuni casi hanno attaccato e divorato Actinia equina presente in vasca da più di un anno.

Data ultima revisione: 21/11/2012
Autore scheda: Antonello Cau, con il contributo di Michele Abbondanza, Stefano C. A. Rossi


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>