Tu sei qui: L'associazione AIAM per la salvaguardia del Mediterraneo 26_Normativa sulla pesca: taglie minime del pescato

26_Normativa sulla pesca: taglie minime del pescato

E-mail Stampa PDF

Tabella taglie minime del pescato dei pesci, crostacei, molluschi nel Mar Mediterraneo

 

In questo articolo sono illustrati, tramite delle tabelle, le taglie minime che per legge vanno rispettate facendo riferimento alla pesca sportiva subacquea. Inoltre ci sono tutti i riferimenti legislativi che fino ad oggi regolano la pesca sott'acqua.

Il pescatore sportivo non può catturare tutto quello che vuole: seguendo le indicazioni di questo articolo potrete comprendere meglio quello che "sicuramente" dovete lasciare in acqua. Nella speranza che sia tutto chiaro, vi invito a discuterne sul forum della normativa di AIAM.

La sezione viene regolata attraverso:

  • D.P.R. n° 1639 del 2.10.1968
  • Reg. (CE) n° 1626 del 27.6.1994

 

Nel D.P.R. n° 1639 del 2.10.1968 segnaliamo gli articoli 86-87-88-89-90-91-93.

Dall'art. 87 (Lunghezza minima dei pesci):

Si considerano pesci allo stadio giovanile, salvo quanto disposto dall'art.93, quegli esemplari di lunghezza stabilita convenzionalmente, inferiore a 7 (sette) centimetri.  (Vedi tabella pesci)

 

Dall'art. 93 (pesca di specie adulte di piccola taglia)

Nessun limite di lunghezza è stabilito per le specie che allo stadio adulto non raggiungono le misure indicate negli articoli 87 e 88.

 

Dall'art. 88 (lunghezza minima dei crostacei)

Si considerano allo stadio giovanile, per le specie indicate, gli esemplari di lunghezza inferiore alle seguenti* (vedi tabella crostacei)

 


L'allegato III 

(regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006)

TABELLA LUNGHEZZA MINIMA DEI PESCI

nome scientifico                   
nome comune                     taglia minima                     

Dicentrarchus labrax 

spigola 25 cm  

Diplodus annularis

sparaglione 12 cm  

Diplodus puntazzo

sarago pizzuto 18 cm  

Diplodus sargus

sarago maggiore 23 cm  

Diplodus vulgaris

sarago testa nera

18 cm  

Engraulis encrasicolus *

acciuga 9 cm  

Epinephelus spp.

cernie 45 cm  

Lithognathus mormyrus

mormora 20 cm  

Merluccius merluccius ***

nasello 20 cm  

Mullus spp.

triglie 11 cm  

Pagellus acarne

pagello mafrone 17 cm  

Pagellus bogaraveo

occhialone 33 cm  

Pagellus erythrinus

pagallo fragolino 15 cm  

Pagrus pagrus

pagro mediterraneo 18 cm  

Polyprion americanus

cernia di fondale 45 cm  

Sardina pilchardus**

sardina 11  

Scomber spp.

sgombro 18  

Solea vulgaris

sogliola 20 cm  

Sparus aurata

orata 20 cm  

Trachurus spp.

suri 15 cm  

 

(*) Acciuga: gli Stati membri possono convertire la taglia minima in 110 esemplari per kg.

(**) Sardina: gli Stati membri possono convertire la taglia minima in 55 esemplari per kg.

(***) Nasello: Tuttavia, fino al 31 dicembre 2008 è concesso un margine di tolleranza del 15% in peso di esemplari di nasello compresi tra 15 e 20 cm. Tale limite di tolleranza è rispettato tanto dal singolo peschereccio, in alto mare o nel luogo di sbarco, quanto nei mercati di prima vendita dopo lo sbarco Detto limite è rispettato anche in ciascuna transazione commerciale successiva a livello nazionale e internazionale.

 

L'allegato III 

(regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006)

 

TABELLA LUNGHEZZA MINIMA DEI CROSTACEI

nome scientifico nome comune taglia minima l. totale taglia minima l. carapace

Homarus gammarus  

astice                        300 mm (LT)                             105 mm (LC)                             

Nephrops norvegicus

scampo 70 mm (LT) 20 mm (LC)

Palinuridae

aragoste   90 mm (LC)

Parapenaeus longirostris

gambero rosa mediterraneo 20 mm (LT)  

 

L'allegato III 

(regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006)

 

TABELLA LUNGHEZZA MINIMA DEI MOLLUSCHI BIVALVI

nome scientifico nome comune taglia minima

Pecten jacobeus         

cappasanta                              10 cm                                   

Venerupis spp.

vongola 25 mm

Venus spp.

vongole 25 mm

 

Inoltre riporto altre specie, credo poco interessanti per l'acquariofilo, ma il testo integrale incorpora anche queste:

  • Enthynnus alletteratus (tonnetto) 30cm
  • Thunnus thynnus (tonno rosso) 70cm o 6,4 kg
  • Xiphias gladius    (pesce spada) 120cm

ALLEGATO IV

(regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006)

 

Misurazione della taglia di un organismo marino

1. La taglia di un pesce è misurata, come indicato nella figura 1, dall'estremità anteriore del muso sino all'estremità della pinna caudale.

2. La taglia dello scampo (Nephrops norvegicus) è misurata come indicato nella figura 2:

  • in lunghezza del carapace, parallelamente alla linea mediana, iniziando dalla parte  posteriore di una delle orbite fino al punto medio del margine distale dorsale del carapace, o
  • in lunghezza totale, dalla punta del rostro fino all'estremità posteriore del telson, escludendo le setae.

3. La taglia dell'astice (Homarus gammarus) è misurata, come indicato nella figura 3: - in lunghezza del carapace, parallelamente alla linea mediana, iniziando dalla parte posteriore di una delle orbite fino al punto medio del margine distale dorsale del carapace o, in lunghezza totale, dalla punta del rostro fino all'estremità posteriore del telson, escludendo le setae.

4. La taglia dell'aragosta (Palinuridae) è misurata, come indicato nella figura 4, in lunghezza del carapace, parallelamente alla linea mediana, dalla punta del rostro fino al punto medio del margine distale dorsale del carapace.

5. La taglia di un mollusco bivalve è misurata, come indicato nella figura 5, sulla parte più lunga della conchiglia.

 

Illustrazioni tratte dalla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea.

 

2011-05-16_235255

 

 

 

 

figura 1

 

 

 

 


 

2011-05-16_235313

 

 

 

 

 

 

 

 

 

figura 2 -3

 

 

 

 

 

 

aragosta

 

 

 

 

 

 

 

figura 4

 

 

 

 

 

 

 

vongole

 

 

 

 

 

figura 5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


PESCA DEL RICCIO DI MARE: Paracentrotus lividus

La pesca è regolata a livello nazionale dal D.M. del 12.gennaio.1995)

Taglia Minima: 7 centimetri, di diametro, compresi gli aculei.

VIETATA LA PESCA: Nei mesi di maggio e giugno (DM 12.01.1995)

Il pescatore sportivo: Non può catturare più di 50 esemplari e solo in apnea SENZA ALCUN ATTREZZO.

Il pescatore professionista: Può catturare al massimo 1.000 esemplari al giorno.

Sanzioni; da 516 a 3098 euro

 

In alcune regioni vigono regolamenti più restrittivi. Vedere le ordinanze aggiornate.


 

Link utili:

Sito Unione Europea

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Apnea magazine  a cura di Giorgio Volpe

 


E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti nell'articolo, senza il consenso dell'autore o del direttivo AIAM.


AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>