Tu sei qui: Articoli Biologia marina Il rilascio in mare della tartaruga Atlante

Il rilascio in mare della tartaruga Atlante

E-mail Stampa PDF

 

 

b_200_200_16777215_0___images_stories_leonardo_tartaruga_atlante_PA210152.jpg
AIAM era presente al rilascio di una tartaruga della specie Caretta caretta  nella mattinata del 21 Ottobre 2010 in cui è stata liberata, nello specchio acqueo antistante San Benedetto del Tronto, alla tartaruga è stato dato il nome di “Atlante”.

L’esemplare in questione è una “Caretta caretta” di sesso femminile  del peso di circa 60 kg e di 12 anni di età (una bambina se si pensa che questi rettili possono vivere oltre i 70 anni).
Atlante era rimasta intrappolata nel Gennaio 2010 nelle reti a strascico di un peschereccio che pescava nel mare antistante Rimini comportandogli l’ingresso di acqua nei polmoni.


Prontamente soccorsa e curata dalla Fondazione Cetacea di Riccione è stata poi munita di un Trasmettitore satellitare acquistato dalla Società Cooperativa Blu Marine Service che ne permetterà di monitorare gli spostamenti per i prossimi due anni (fino al distacco del trasmettitore stesso).
Ad assistere alla liberazione di “Atlante” erano presenti circa 800 bambini appartenenti alle classi elementari di San Benedetto, Cupra e Grottammare.

b_200_200_16777215_0___images_stories_leonardo_tartaruga_atlante_PA210201.jpg

I bambini hanno potuto ammirare il bellissimo rettile grazie ai volontari della “Riserva Naturale della Sentina” che hanno dapprima creato una vasca di temporanea accoglienza per la testuggine nei pressi del bagnasciuga e poi organizzato dei percorsi che permettessero agli studenti di  guardare Atlante con assoluta tranquillità.
Dopo aver dato il tempo ad Atlante di essere fotografata  e stata poi lasciata libera di raggiungere il mare da sola tra gli incitamenti degli oltre mille presenti.

Ad attenderla in acqua c’era anche la Capitaneria di Porto con una Motovedetta  ed un Team di Sommozzatori che precedentemente avevano perlustrato i fondali antistanti per sincerarsi dell’assenza di eventuali reti da pesca che avrebbero potuto essere un pericolo per Atlante.

b_200_200_16777215_0___images_stories_leonardo_tartaruga_atlante_PA210117.jpg
b_200_200_16777215_0___images_stories_leonardo_tartaruga_atlante_PA210214.jpg


Con la sua liberazione nasce il “progetto Atlante” che permetterà agli studenti, e a tutti gli interessati, di seguire il percorso del rettile nel tempo attraverso il sito www.seaturtle.org: clicca qui per seguire la tartaruga Atlante.

Manifestazione riuscitissima che ha permesso ai bambini di sensibilizzarsi sulla salvaguardia delle specie protette dei nostri Mari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Guarda l'elaborazione video che è stata fatta:

 

Click to download in FLV format (6.87MB)

 


 

Classificazione:

Phylum

Subphylum

Classe

Sottoclasse

Ordine

Sottordine   

Superfamiglia

Famiglia

Sottofamiglia

Genere

Specie            

Chordata

Vertebrata

Reptilia

Anapsida

Testudines

Cryptodira

Chelonioidea

Cheloniidae

Cheloniinae

Caretta

caretta          

 

 

Specie protetta.

La Caretta caretta è protetta da diverse convenzioni internazionali.

[Convenzione internazionale - CITES app.1]: Appendice 1 della Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione (CITES). "Specie gravemente minacciate d’estinzione per le quali è rigorosamente vietato il commercio"

[Convenzione internazionale -BERNA all.2]: Allegato II della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica dell’ambiente naturale in Europa (Berna), vedi scheda che segue. "specie di fauna rigorosamente protette"

[Convenzione internazionale -HABITAT all.4]: Allegato IV della direttiva 92/43 CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali della flora e della fauna selvatiche (denominata "Habitat") "Specie animali e vegetali di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa" (L’appendice assume il titolo di Allegato D nel Regolamento Attuativo della Direttive, DPR 357)

[Convenzione internazionale -ASPIM all.2]: Allegato II del Protocollo relativo alle Zone Particolarmente Protette e alla Diversità Biologica del Mediterraneo della Convenzione di Barcellona (Protocollo ASPIM) "Specie in pericolo o minacciate".

[Legge dello stato italiano - DM 5-5-89]: Disciplina della cattura dei cetacei, delle testuggini e degli storioni

 

Per visualizzare tutte le specie marine protette del Mediterraneo è online la lista a cura di AIAM: clicca qui.

 

 

Per saperne di più leggi un'articolo completo sulla caretta caretta di wikipedia: clicca qui.

 

Video

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>